Progetti Erasmus Plus e POSDRU

Le esperienze di INFOR ELEA in Europa

INFOR ELEA è in grado di fornire:

  • Consulenza sulle opportunità e sulle normative relative ai fondi comunitari
  • Assistenza nella redazione e gestione di progetti in risposta a bandi diretti della Comunità Europea, o nella presentazione di progetti finanziati dai fondi strutturali.
  • Coordinamento dei progetti, attività di valutazione delle iniziative e supporto nell’attività di rendicontazione delle azioni realizzate nell’ambito dei principali programmi europei e di cooperazione internazionale.

In particolare, negli ultimi anni INFOR ELEA ha sviluppato una specifica esperienza nell’organizzazione e gestione di una interessante modalità formativa: le visite studio internazionali. La visita di studio rappresenta una impareggiabile occasione di scambio e mutuo apprendimento su tematiche di interesse comune e su questioni di rilevanza europea e internazionale. Dà inoltre l’opportunità di vedere in prima persona come determinate tematiche o problematiche siano trattate in contesti diversi, ricavando interessanti spunti per rivedere e migliorare le proprie impostazioni, valorizzando le esperienze di coloro che vi partecipano.
Una breve sintesi dei progetti europei fino ad ora sviluppati…

ERASMUS PLUS – KEY ACTION 2 “PACEMAKING”

PACEMAKING è un progetto finanziato dall’Unione Europea che mira a stimolare le sinergie tra educazione e occupazione creando degli esperti in grado di supportare le fasce più deboli nella ricerca di un impiego. Il ruolo di INFOR ELEA sarà nello specifico quello di elaborare i moduli didattici ed educativi del progetto grazie alla decennale esperienza maturata nel settore formativo e nel supporto all’imprenditorialità.

NEW EMPLOYMENT OPPORTUNITIES IN RURAL AREAS THROUGH TELEWORK

Il progetto, finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma Operativo Settoriale per lo Sviluppo delle Risorse Umane Romeno, ha previsto 3 visite studio in Italia con lo scopo di presentare esempi di buone pratiche nel settore del telelavoro e ha coinvolto in totale 53 persone.

START YOUR CAREER FROM UNIVERSITY!

Il progetto è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma Operativo Settoriale per lo Sviluppo delle Risorse Umane Romeno. Nell’ambito di questo progetto sono stati organizzati due stage in Italia rivolti agli studenti di informatica, di marketing e di turismo. Il primo stage in Italia si è svolto nel giugno 2009 per un gruppo di 42 studenti universitari mentre il secondo stage in Italia si è tenuto nel mese di giugno e luglio 2010 per un gruppo di 42 studenti universitari.

TELEWORKING: OPPORTUNITY OF RURAL AREAS

Il progetto è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma Operativo Settoriale per lo Sviluppo delle Risorse Umane Romeno. Nell’ambito di questo progetto sono state organizzate due visite studio in Italia. Il progetto ha presentato esempi di buone pratiche nel settore del telelavoro, visitando dei telecentri di successo in Lombardia ed in Toscana. La prima visita in Italia si è svolta nel maggio 2010 con un gruppo di 7 persone. La seconda visita di studio è avvenuta nel luglio 2011 per un gruppo di 10 persone

PRACTICAL TRAINING IN BUSINESSES – A WAY TO ACCESS THE LABOR MARKET

Il progetto è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma Operativo Settoriale per lo Sviluppo delle Risorse Umane Romeno. Nell’ambito di questo progetto sono stati organizzati due stage in Italia per gli studenti di informatica, di marketing e di management. Il primo stage in Italia si è svolto nel giugno 2012 ed è stato rivolto ad un gruppo di 20 studenti universitari. Il secondo stage in Italia si è svolto nel mese di luglio 2013 per un gruppo di 20 studenti universitari.

VIRTUAL BUSINESS-INTERACTIVE TRAINING SYSTEM FOR STUDENT

Il progetto è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma Operativo Settoriale per lo Sviluppo delle Risorse Umane Romeno. Questo progetto ha previsto una visita studio in Italia per un gruppo di 7 tutor nell’ottobre 2012. Il gruppo ha avuto la possibilità di imparare ad utilizzare un software per la gestione di una società virtuale.

DEVELOPMENT OF ENTREPRENEURIAL CULTURE IN THE REGION OF CARAŞ-SEVERIN, ALBA AND VÂLCEA

Il progetto è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma Operativo Settoriale per lo Sviluppo delle Risorse Umane Romeno. Nel quadro di questo progetto sono state organizzate 6 visite studio in Italia della durata di una settimana per promuovere l’imprenditorialità, analizzare esempi di successo provenienti dai paesi dell’UE e per stabilire contatti con partner stranieri. Il progetto è stato implementato dal settembre del 2010 al ottobre del 2013 coinvolgendo 177 persone

PROMOTING ENTREPRENEURSHIP FOR INCREASING EMPLOYMENT IN RURAL AREAS

Il progetto è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma Operativo Settoriale per lo Sviluppo delle Risorse Umane Romeno. Nell’ambito di questo progetto sono state organizzate 6 visite studio in Italia della durata di una settimana. Il gruppo ha avuto la possibilità di visitare le aziende di successo nel campo della lavorazione delle uve, carne, verdure, legno e pietra. Il progetto è stato implementato dal settembre del 2011 al luglio del 2013 coinvolgendo 166 persone.

LEARN PRACTICING, PRACTICE LEARNING

Il progetto è stato finanziato dal Fondo Sociale Europeo attraverso il Programma Operativo Settoriale per lo Sviluppo delle Risorse Umane Romeno. Il progetto ha previsto due visite studio in Italia. Il gruppo ha visitato i “job placement” di diverse Università italiane per capire come gestiscono i tirocini all’estero. Il progetto è stato attuato nel giugno del 2012 e nell’aprile dell’anno successivo coinvolgendo un totale di 31 studenti.

PLANET – PLan for Agriculture reNewable Energy Training

L’obiettivo del progetto è di fornire una formazione specialistica con modalità pedagogiche innovative agli operatori coinvolti nella progettazione e conduzione di impianti di produzione energetica da fonti rinnovabili (RES, Renewable Energy Sources), La piattaforma didattica e il relativo corso di formazione saranno dedicati a quanti vogliono investire sulle competenze necessarie ad operare in un ambiente professionale connesso alla gestione strategica e operativa degli impianti.
Oggi, la crescente offerta di Green Jobs – opportunità lavorative volte all’implementazione di attività legate alla sostenibilità ambientale – richiede capacità tecniche e competenze trasversali indispensabili per garantire il massimo grado di efficienza produttiva e l’ottimale raggiungimento di livelli di redditività congrui agli investimenti realizzati.
Il progetto PLANET mira ad affrontare queste esigenze, fornendo gli strumenti pedagogici, il materiale didattico e la realizzazione di uno specifico percorso formativo.

Action: Erasmus Plus Key Action 2 – Knowledge Alliance

EDULAB4FUTURE – N. progetto: 2019-1-RO01-KA203-063059

Il progetto EduLab4Future, attraverso la collaborazione di università ed enti di formazione provenienti da 5 paesi dell’UE (ovvero RO, IT, BG, PL, CZ), intende concentrarsi sugli obiettivi dello sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e mostrare la loro dimensione pratica, sviluppando un innovativo laboratorio didattico per rinforzare il senso di cittadinanza attiva.

Grazie alla sinergia tra le competenze del partenariato il progetto intende realizzare l’obiettivo 4 dell’Agenda delle Nazioni Unite, sviluppando un nuovo approccio formativo improntato sull’utilizzo interdisciplinare di nuove metodologie di apprendimento basate sull’utilizzo delle tecnologie digitali. Sarà infatti sviluppato un modello di formazione per gli adulti basato sulla flipped classroom (classe capovolta) e l’utilizzo di una piattaforma didattica e-learning.

Il progetto ha l’obiettivo di formare 200 studenti coinvolgendo 24 docenti provenienti dal mondo della ricerca universitaria e della formazione aziendale.

Attraverso il laboratorio didattico gli studenti avranno la possibilità di analizzare realtà aziendali transnazionali in modo da sviluppare il senso di partecipazione civica all’interno di nuove realtà organizzative.

La formazione, i seminari, le conferenze, le campagne educative, i corsi online, le buone pratiche e i casi studio sono elementi importanti che approfondiscono la conoscenza e la comprensione della complessità dei problemi che affrontiamo. Quindi, qualsiasi azione che dia inizio all’impegno ambientale è un valore in sé che ci aiuta a migliorare, a beneficio nostro, della comunità e del pianeta in cui viviamo.

INDUSTRY 4.0:

An immanent multistage model of preparing Polish SMEs for entering the 4th industrial revolution

Creazione e successivamente trasformazione e modifica degli strumenti, compresi i prodotti italo-polacchi, per supporto degli Istituti di Formazione nel processo di adattamento del personale delle PMI ai cambiamenti tecnologici per entrare nella Quarta Rivoluzione Industriale (INDUSTRY4.0).

 

Principali prodotti del progetto:

L’idea del progetto è quella di coinvolgere gli Istituti di Formazione polacchi a sostegno delle PMI come entità chiave che preparano le imprese polacche e il loro personale a entrare nella Quarta Rivoluzione Industriale con l’aiuto di 5 nuovi prodotti sviluppati da Bd Center Sp zoo e INFOR ELEA e implementati nel progetto:

1) e 2) “Modello multi-fase per preparare le PMI polacche ad entrare nella 4a rivoluzione industriale” per gli istituti di formazione, supportato da 2 relazioni descrittive preparate dagli esperti di INFOR ELEA;

3) strumenti di istruzione e formazione, ovvero 10 moduli utilizzati dai formatori polacchi, a sostegno del miglioramento delle competenze del personale aziendale;

4) strumenti di istruzione e formazione, vale a dire 10 moduli utilizzati dai formatori a sostegno dell’apprendimento del personale responsabile della gestione aziendale che utilizza nuove tecnologie;

5) Sito web su INDUSTRY 4.0 supportato da film prodotti da INFOR ELEA

Lider: BD Center Sp zoo

 EPEP (European Prisoners Entrepreneurship Program)

Il progetto EPEP (European Prisoners Entrepreneurship Program) intende realizzare un’innovativa piattaforma didattica dedicata a quanti, reduci da uno stato di detenzione o in procinto di riacquistare lo stato di libertà, intendono intraprendere un percorso imprenditoriale, che ne favorisca la reintegrazione sociale.
Alla luce delle difficoltà di reinserimento lavorativo e del conseguente elevato tasso di recidiva, un corso di formazione imprenditoriale può risultare un importante strumento per lo sviluppo delle competenze tecniche e trasversali necessarie all’avvio di una nuova impresa.

La piattaforma didattica, basata su un innovativo sistema di gestione dell’apprendimento e su una specifica metodologica andragogica, fornisce l’occasione per attivare i processi di riabilitazione sociale anche tramite l’inserimento degli studenti in un percorso di contribuzione al benessere collettivo. Tutto ciò viene realizzato attraverso lo sviluppo di un piano didattico “ad hoc” basato sulle competenze trasversali necessarie a riguadagnare fiducia in sé stessi e, dall’altro, sulle competenze specialistiche necessarie ad affrontare gli aspetti tecnici legati all’avvio e gestione di un’attività imprenditoriale coerente con lo status del partecipante.

La piattaforma e-learning sarà disponibile, a partire dal 2020, per enti di formazione che supportano l’attività di reintegrazione dei detenuti. Finanziato dall’UE tramite il programma Erasmus+, il partenariato EPEP è composto da Enti di Ricerca, Associazioni non Governative, Istituti di Alta Formazione e da Enti di Formazione operanti in Italia, Belgio e Francia.

VISITA IL SITO >

PROGETTO FIELDS

Il settore agro-alimentare, sotto la spinta evolutiva di fenomeni quali il cambiamento climatico, la maggior sostenibilità nell’uso delle risorse naturali, l’intensificazione della complessità della catena di approvvigionamento, la costante revisione dei prodotti e dei processi, e la necessità di gestire una sempre maggiore disponibilità di informazioni, sta affrontando delle sfide cruciali per la definizione del suo sviluppo futuro.

Per affrontare il crescente divario tra gli obiettivi di gestione aziendale e la rimodulazione globale indotta da un approccio basato sulla “bio-economy”, gli operatori del settore agro-alimentare devono svolgere un ruolo attivo nel mobilitare risorse e competenze verso l’innovazione dei processi strategici. Il flusso di conoscenze e abilità deve essere coerente con gli obiettivi di pianificazione aziendale, e il “fattore umano” e l’approccio imprenditoriale sono diventati un fattore centrale nell’affrontare queste sfide. Per questo motivo i processi formativi svolgono un ruolo fondamentale nel ridisegnare la strategia di sviluppo delle aziende agro-alimentari basata sul processo continuo di miglioramento delle capacità tecniche e delle competenze trasversali degli individui.

Il progetto FIELDS si basa su un approccio multi-stakeholder, coinvolgendo 30 partner di 12 paesi (Enti di Ricerca, Scuole di Alta Formazione, Rappresentanti e Operatori del Settore Agro-Alimentare), per sviluppare una strategia di sviluppo basata su un modello di business innovativo che affronti il gap formativo nei settori della “bio-economy”, “sostenibilità” e “digitalizzazione”. Il successo nell’affrontare e nel reagire a questi fattori è fondamentale per mantenere il settore agricolo europeo competitivo e sostenibile a lungo termine. Il progetto svilupperà strategie formative per fornire piani di formazione personalizzati, sviluppando contenuti e strumenti formativi innovativi basati sull’analisi delle migliori pratiche identificate a livello europeo.