fbpx

Formazione Manageriale

Elea Informatica
Formazione Manageriale
Tipologie di Corso
Modalità di Frequenza
Sedi di attivazione
Workshop

Data di partenza:

17 Ott 2019
I principi della comunicazione
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunicare è agire, comunicare bene è ottenere
I progressi in termini qualitativi e tangibili conseguiti da molti professionisti confermano il contributo positivo apportato dalle scienze della comunicazione.
Comunica

Workshop

Data di partenza:

In programmazione
Ergonomia
Produttività e gestione del rischio
Il rischio da Sovraccarico Biomeccanico dell’Apparato Muscolo-Scheletrico si conferma ormai da anni, dal numero delle denunce di malattia professionale, come il primo rischio a cui sono esposti i lavoratori.
Produttività e gestione del rischio
Il rischio da Sovraccarico Biomeccanico dell’Apparato Muscolo-Scheletrico si conferma ormai da anni, dal numero delle denunce di malattia professionale, come il primo rischio a cui sono esposti i lavoratori.
Produttività e gestione del rischio
Il rischio da Sovraccarico Biomeccanico dell’Apparato Muscolo-Scheletrico si conferma ormai da anni, dal numero delle denunce di malattia professionale, come il primo rischio a cui sono esposti i lavoratori.
Produttività e gestione del rischio
Il rischio da Sovraccarico Biomeccanico dell’Apparato Muscolo-Scheletrico si conferma ormai da anni, dal numero delle denunce di malattia professionale, come il primo rischio a cui sono esposti i lavoratori.
Produttività e gestione del rischio
Il rischio da Sovraccarico Biomeccanico dell’Apparato Muscolo-Scheletrico si conferma ormai da anni, dal numero delle denunce di malattia professionale, come il primo rischio a cui sono esposti i lavoratori.
Produttività e gestione del rischio
Il rischio da Sovraccarico Biomeccanico dell’Apparato Muscolo-Scheletrico si conferma ormai da anni, dal numero delle denunce di malattia professionale, come il primo rischio a cui sono esposti i lavoratori.
Produttività e gestione del rischio
Il rischio da Sovraccarico Biomeccanico dell’Apparato Muscolo-Scheletrico si conferma ormai da anni, dal numero delle denunce di malattia professionale, come il primo rischio a cui sono esposti i lavoratori.
Produttività e gestione del rischio
Il rischio da Sovraccarico Biomeccanico dell’Apparato Muscolo-Scheletrico si conferma ormai da anni, dal numero delle den

Workshop

Data di partenza:

In programmazione
Motivare il team di vendita
Una buona forza vendita può essere costruita
Per raggiungere ottimi risultati di vendita bisogna attivare nuove tattiche che aiutino la forza vendita esistente a vendere di più. Oggi le aziende che vogliono stare sul mercato devono reinventare il loro approccio al mercato fornendo strumenti che aiutino i responsabili commerciali ad aumentare la produttività.
Una buona forza vendita può essere costruita
Per raggiungere ottimi risultati di vendita bisogna attivare nuove tattiche che aiutino la forza vendita esistente a vendere di più. Oggi le aziende che vogliono stare sul mercato devono reinventare il loro approccio al mercato fornendo strumenti che aiutino i responsabili commerciali ad aumentare la produttività.
Una buona forza vendita può essere costruita
Per raggiungere ottimi risultati di vendita bisogna attivare nuove tattiche che aiutino la forza vendita esistente a vendere di più. Oggi le aziende che vogliono stare sul mercato devono reinventare il loro approccio al mercato fornendo strumenti che aiutino i responsabili commerciali ad aumentare la produttività.
Una buona forza vendita può essere costruita
Per raggiungere ottimi risultati di vendita bisogna attivare nuove tattiche che aiutino la forza vendita esistente a vendere di più. Oggi le aziende che vogliono stare sul mercato devono reinventare il loro approccio al mercato fornendo strumenti che aiutino i responsabili commerciali ad aumentare la produttività.
Una buona forza vendita può essere costruita
Per raggiungere ottimi risultati di vendita bisogna attivare nuove tattiche che aiutino la forza vendita esistente a vendere di più. Oggi le aziende che vogliono stare sul mercato devono reinventare il loro approccio al mercato fornendo strumenti che aiutino i responsabili commerciali ad aumentare la produttività.
Una buona forza vendita può essere costruita
Per raggiungere ottimi risultati di vendita bisogna attivare nuove tattiche

Workshop

Data di partenza:

31 Gen 2020
La Redazione del Business Plan
Dall’idea all’azienda
Il successo nel lancio di un nuovo business dipende dalla capacità di unire la visione sul futuro con la pianificazione accurata dei passi da compiere e la quantificazione della dimensione economico-finanziaria del progetto.
Dall’idea all’azienda
Il successo nel lancio di un nuovo business dipende dalla capacità di unire la visione sul futuro con la pianificazione accurata dei passi da compiere e la quantificazione della dimensione economico-finanziaria del progetto.
Dall’idea all’azienda
Il successo nel lancio di un nuovo business dipende dalla capacità di unire la visione sul futuro con la pianificazione accurata dei passi da compiere e la quantificazione della dimensione economico-finanziaria del progetto.
Dall’idea all’azienda
Il successo nel lancio di un nuovo business dipende dalla capacità di unire la visione sul futuro con la pianificazione accurata dei passi da compiere e la quantificazione della dimensione economico-finanziaria del progetto.
Dall’idea all’azienda
Il successo nel lancio di un nuovo business dipende dalla capacità di unire la visione sul futuro con la pianificazione accurata dei passi da compiere e la quantificazione della dimensione economico-finanziaria del progetto.
Dall’idea all’azienda
Il successo nel lancio di un nuovo business dipende dalla capacità di unire la visione sul futuro con la pianificazione accurata dei passi da compiere e la quantificazione della dimensione economico-finanziaria del progetto.
Dall’idea all’azienda
Il successo nel lancio di un nuovo business dipende dalla capacità di unire la visione sul futuro con la pianificazione accurata dei passi da compiere e la quantificazione della dimensione economico-finanziaria del progetto.
Dall’idea all’azienda
Il successo nel lancio di un nuovo business dipende dalla capacità

Workshop

Data di partenza:

03 Feb 2020
TPM – Il total productive maintenance
Processo efficiente ed efficace di gestione della manutenzione (TPM)
I guasti agli impianti produttivi sono un elemento che ha un forte impatto sui processi di generazione di Valore. Evitarli mantenendo al minimo i costi è possibile solo se è presente un processo robusto di manutenzione (Total Productive Maintenance – TPM) che si focalizza sulla manutenzione preventiva piuttosto che correttiva attraverso la manutenzione autonoma.
Processo efficiente ed efficace di gestione della manutenzione (TPM)
I guasti agli impianti produttivi sono un elemento che ha un forte impatto sui processi di generazione di Valore. Evitarli mantenendo al minimo i costi è possibile solo se è presente un processo robusto di manutenzione (Total Productive Maintenance – TPM) che si focalizza sulla manutenzione preventiva piuttosto che correttiva attraverso la manutenzione autonoma.
Processo efficiente ed efficace di gestione della manutenzione (TPM)
I guasti agli impianti produttivi sono un elemento che ha un forte impatto sui processi di generazione di Valore. Evitarli mantenendo al minimo i costi è possibile solo se è presente un processo robusto di manutenzione (Total Productive Maintenance – TPM) che si focalizza sulla manutenzione preventiva piuttosto che correttiva attraverso la manutenzione autonoma.
Processo efficiente ed efficace di gestione della manutenzione (TPM)
I guasti agli impianti produttivi sono un elemento che ha un forte impatto sui processi di generazione di Valore. Evitarli mantenendo al minimo i costi è possibile solo se è presente un processo robusto di manutenzione (Total Productive Maintenance – TPM) che si focalizza sulla manutenzione preventiva piuttosto che correttiva attraverso la manutenzione autonoma.
Processo efficiente ed efficace di gestione della manutenzione (TPM)
I guasti agli impianti produttivi sono un elemento che ha un forte impatto sui processi di generazione di Valore. Evitarli mantene

Workshop

Energeticamente efficaci ed efficienti
Considerando l’attuale situazione dei mercati energetici e la loro prevedibile evoluzione, obiettivo del progetto è sensibilizzare il titolare ed il management delle imprese a determinare lo “ Stato di salute energetica “ e la conseguente “ sostenibilità economica del business dell’efficienza” attraverso la definizione, la misurazione e l’analisi dei fondamentali K.P.I.’s ( Indicatori Chiave ) energetico-finanziari. Considerando l’attuale situazione dei mercati energetici e la loro prevedibile evoluzione, obiettivo del progetto è sensibilizzare il titolare ed il management delle imprese a determinare lo “ Stato di salute energetica “ e la conseguente “ sostenibilità economica del business dell’efficienza” attraverso la definizione, la misurazione e l’analisi dei fondamentali K.P.I.’s ( Indicatori Chiave ) energetico-finanziari. Considerando l’attuale situazione dei mercati energetici e la loro prevedibile evoluzione, obiettivo del progetto è sensibilizzare il titolare ed il management delle imprese a determinare lo “ Stato di salute energetica “ e la conseguente “ sostenibilità economica del business dell’efficienza” attraverso la definizione, la misurazione e l’analisi dei fondamentali K.P.I.’s ( Indicatori Chiave ) energetico-finanziari. Considerando l’attuale situazione dei mercati energetici e la loro prevedibile evoluzione, obiettivo del progetto è sensibilizzare il titolare ed il management delle imprese a determinare lo “ Stato di salute energetica “ e la conseguente “ sostenibilità economica del business dell’efficienza” attraverso la definizione, la misurazione e l’analisi dei fondamentali K.P.I.’s ( Indicatori Chiave ) energetico-finanziari. Considerando l’attuale situazione dei mercati energetici e la loro prevedibile evoluzione, obiettivo del progetto è sensibilizzare il titolare ed il management delle imprese a determinare lo “ Stato di salute energetica “ e la conseguente “

Workshop

Data di partenza:

In programmazione
Gestione, motivazione ed integrazione delle generazioni Y e Z
I membri della generazione Y (Millennials) – nati tra il 1982 e 1994 – e quelli della Z (Post Millennials) – nati tra il 1995 e il 2010 – rappresentano una realtà sempre più importante nel mondo del lavoro – oltre 12 milioni in Italia – che va presa in seria considerazione. Mentre tra i Millennials solo una piccola parte ha già responsabilità di conduzione e il resto opera nel middle management, la stragrande maggioranza dei Post Millennials si trova nella fase di apprendimento. I membri della generazione Y (Millennials) – nati tra il 1982 e 1994 – e quelli della Z (Post Millennials) – nati tra il 1995 e il 2010 – rappresentano una realtà sempre più importante nel mondo del lavoro – oltre 12 milioni in Italia – che va presa in seria considerazione. Mentre tra i Millennials solo una piccola parte ha già responsabilità di conduzione e il resto opera nel middle management, la stragrande maggioranza dei Post Millennials si trova nella fase di apprendimento. I membri della generazione Y (Millennials) – nati tra il 1982 e 1994 – e quelli della Z (Post Millennials) – nati tra il 1995 e il 2010 – rappresentano una realtà sempre più importante nel mondo del lavoro – oltre 12 milioni in Italia – che va presa in seria considerazione. Mentre tra i Millennials solo una piccola parte ha già responsabilità di conduzione e il resto opera nel middle management, la stragrande maggioranza dei Post Millennials si trova nella fase di apprendimento. I membri della generazione Y (Millennials) – nati tra il 1982 e 1994 – e quelli della Z (Post Millennials) – nati tra il 1995 e il 2010 – rappresentano una realtà sempre più importante nel mondo del lavoro – oltre 12 milioni in Italia – che va presa in seria considerazione. Mentre tra i Millennials solo una piccola parte ha già responsabilità di conduzione e il resto opera nel middle management, la stragrande maggioranza dei Post Millennials si trova nella fase di apprendimento. I

Workshop

Data di partenza:

21 Nov 2019
Comunicazione corporate, storytelling e relazioni esterne
Progettazione, integrazione e gestione
Chi si occupa di comunicazione in un’organizzazione, pubblica o privata, deve confrontarsi con l’ esigenze di scegliere, integrare e poi gestire una moltitudine di canali e leve di comunicazione per costruire quel necessario dialogo verso i propri stakeholders.
Progettazione, integrazione e gestione
Chi si occupa di comunicazione in un’organizzazione, pubblica o privata, deve confrontarsi con l’ esigenze di scegliere, integrare e poi gestire una moltitudine di canali e leve di comunicazione per costruire quel necessario dialogo verso i propri stakeholders.
Progettazione, integrazione e gestione
Chi si occupa di comunicazione in un’organizzazione, pubblica o privata, deve confrontarsi con l’ esigenze di scegliere, integrare e poi gestire una moltitudine di canali e leve di comunicazione per costruire quel necessario dialogo verso i propri stakeholders.
Progettazione, integrazione e gestione
Chi si occupa di comunicazione in un’organizzazione, pubblica o privata, deve confrontarsi con l’ esigenze di scegliere, integrare e poi gestire una moltitudine di canali e leve di comunicazione per costruire quel necessario dialogo verso i propri stakeholders.
Progettazione, integrazione e gestione
Chi si occupa di comunicazione in un’organizzazione, pubblica o privata, deve confrontarsi con l’ esigenze di scegliere, integrare e poi gestire una moltitudine di canali e leve di comunicazione per costruire quel necessario dialogo verso i propri stakeholders.
Progettazione, integrazione e gestione
Chi si occupa di comunicazione in un’organizzazione, pubblica o privata, deve confrontarsi con l’ esigenze di scegliere, integrare e poi gestire una moltitudine di canali e leve di comunicazione per costruire quel necessario dialogo verso i propri stakeholders.
Progettazione, integrazione e gestione
Chi si occupa

Workshop

Data di partenza:

In programmazione
L’analisi del lavoro e la produttività
Introduzione ai tempi e metodi
I “Tempi e Metodi”, disciplina nata più di 100 anni fa e che sta tornando di massima attualità, riporta alle attività di ricerca del miglior metodo che, nel rispetto delle condizioni di ergonomia e sicurezza, sia funzionale all’esecuzione di uno specifico lavoro, ed alla rilevazione del tempo necessario per svolgerlo.
Introduzione ai tempi e metodi
I “Tempi e Metodi”, disciplina nata più di 100 anni fa e che sta tornando di massima attualità, riporta alle attività di ricerca del miglior metodo che, nel rispetto delle condizioni di ergonomia e sicurezza, sia funzionale all’esecuzione di uno specifico lavoro, ed alla rilevazione del tempo necessario per svolgerlo.
Introduzione ai tempi e metodi
I “Tempi e Metodi”, disciplina nata più di 100 anni fa e che sta tornando di massima attualità, riporta alle attività di ricerca del miglior metodo che, nel rispetto delle condizioni di ergonomia e sicurezza, sia funzionale all’esecuzione di uno specifico lavoro, ed alla rilevazione del tempo necessario per svolgerlo.
Introduzione ai tempi e metodi
I “Tempi e Metodi”, disciplina nata più di 100 anni fa e che sta tornando di massima attualità, riporta alle attività di ricerca del miglior metodo che, nel rispetto delle condizioni di ergonomia e sicurezza, sia funzionale all’esecuzione di uno specifico lavoro, ed alla rilevazione del tempo necessario per svolgerlo.
Introduzione ai tempi e metodi
I “Tempi e Metodi”, disciplina nata più di 100 anni fa e che sta tornando di massima attualità, riporta alle attività di ricerca del miglior metodo che, nel rispetto delle condizioni di ergonomia e sicurezza, sia funzionale all’esecuzione di uno specifico lavoro, ed alla rilevazione del tempo necessario per svolgerlo.
Introduzione ai tempi e metodi
I “Tempi e Metodi”, disciplina nata più di 100 anni fa e che sta tornando di massima attualità, riporta

Workshop

Negoziare e difendere il margine d’impresa
Da venditore a consulente del cliente
La professione del “venditore” è cambiata: da “persuasore” a “portatore di servizi”, da “dipendente del fornitore” a “consulente del cliente”. Alla base di questi cambiamenti troviamo una nuova cultura dei servizi, nuove tecniche di comunicazione, nuovi mezzi di comunicazione, i social network, maggior aggressività della concorrenza.
Da venditore a consulente del cliente
La professione del “venditore” è cambiata: da “persuasore” a “portatore di servizi”, da “dipendente del fornitore” a “consulente del cliente”. Alla base di questi cambiamenti troviamo una nuova cultura dei servizi, nuove tecniche di comunicazione, nuovi mezzi di comunicazione, i social network, maggior aggressività della concorrenza.
Da venditore a consulente del cliente
La professione del “venditore” è cambiata: da “persuasore” a “portatore di servizi”, da “dipendente del fornitore” a “consulente del cliente”. Alla base di questi cambiamenti troviamo una nuova cultura dei servizi, nuove tecniche di comunicazione, nuovi mezzi di comunicazione, i social network, maggior aggressività della concorrenza.
Da venditore a consulente del cliente
La professione del “venditore” è cambiata: da “persuasore” a “portatore di servizi”, da “dipendente del fornitore” a “consulente del cliente”. Alla base di questi cambiamenti troviamo una nuova cultura dei servizi, nuove tecniche di comunicazione, nuovi mezzi di comunicazione, i social network, maggior aggressività della concorrenza.
Da venditore a consulente del cliente
La professione del “venditore” è cambiata: da “persuasore” a “portatore di servizi”, da “dipendente del fornitore” a “consulente del cliente”. Alla base di questi cambiamenti troviamo una nuova cultura dei servizi, nuove tecniche di comunicazione, nuovi mezzi di comunicazione, i social network, maggior aggr

Workshop

Data di partenza:

23 Ott 2019
Il controllo di gestione come strumento guida dell’azienda
Quando affrontiamo un viaggio in auto abbiamo un’idea precisa della meta da raggiungere, dell’ora cui vogliamo arrivare, della strada da percorrere. Sappiamo indicativamente di quanta benzina avremo bisogno, e prima di partire ci informiamo sul meteo e sul traffico. Sempre più spesso utilizziamo il navigatore, per sapere se siamo sulla strada giusta e se siamo in linea con la tabella di marcia. Quando affrontiamo un viaggio in auto abbiamo un’idea precisa della meta da raggiungere, dell’ora cui vogliamo arrivare, della strada da percorrere. Sappiamo indicativamente di quanta benzina avremo bisogno, e prima di partire ci informiamo sul meteo e sul traffico. Sempre più spesso utilizziamo il navigatore, per sapere se siamo sulla strada giusta e se siamo in linea con la tabella di marcia. Quando affrontiamo un viaggio in auto abbiamo un’idea precisa della meta da raggiungere, dell’ora cui vogliamo arrivare, della strada da percorrere. Sappiamo indicativamente di quanta benzina avremo bisogno, e prima di partire ci informiamo sul meteo e sul traffico. Sempre più spesso utilizziamo il navigatore, per sapere se siamo sulla strada giusta e se siamo in linea con la tabella di marcia. Quando affrontiamo un viaggio in auto abbiamo un’idea precisa della meta da raggiungere, dell’ora cui vogliamo arrivare, della strada da percorrere. Sappiamo indicativamente di quanta benzina avremo bisogno, e prima di partire ci informiamo sul meteo e sul traffico. Sempre più spesso utilizziamo il navigatore, per sapere se siamo sulla strada giusta e se siamo in linea con la tabella di marcia. Quando affrontiamo un viaggio in auto abbiamo un’idea precisa della meta da raggiungere, dell’ora cui vogliamo arrivare, della strada da percorrere. Sappiamo indicativamente di quanta benzina avremo bisogno, e prima di partire ci informiamo sul meteo e sul traffico. Sempre più spesso utilizziamo il navigatore, per sapere se siamo sulla strada giusta e se siamo in linea con la tabel

Workshop

Data di partenza:

06 Mar 2020
Lean supply chain
La gestione lean del flusso di valore estesa a monte e a valle nella supply chain
Il network di relazioni con clienti e fornitori che appartengono alla supply chain gioca un ruolo fondamentale nell’implementazione di un flusso del valore snello, dal fornitore di materie prime fino al cliente finale.
La gestione lean del flusso di valore estesa a monte e a valle nella supply chain
Il network di relazioni con clienti e fornitori che appartengono alla supply chain gioca un ruolo fondamentale nell’implementazione di un flusso del valore snello, dal fornitore di materie prime fino al cliente finale.
La gestione lean del flusso di valore estesa a monte e a valle nella supply chain
Il network di relazioni con clienti e fornitori che appartengono alla supply chain gioca un ruolo fondamentale nell’implementazione di un flusso del valore snello, dal fornitore di materie prime fino al cliente finale.
La gestione lean del flusso di valore estesa a monte e a valle nella supply chain
Il network di relazioni con clienti e fornitori che appartengono alla supply chain gioca un ruolo fondamentale nell’implementazione di un flusso del valore snello, dal fornitore di materie prime fino al cliente finale.
La gestione lean del flusso di valore estesa a monte e a valle nella supply chain
Il network di relazioni con clienti e fornitori che appartengono alla supply chain gioca un ruolo fondamentale nell’implementazione di un flusso del valore snello, dal fornitore di materie prime fino al cliente finale.
La gestione lean del flusso di valore estesa a monte e a valle nella supply chain
Il network di relazioni con clienti e fornitori che appartengono alla supply chain gioca un ruolo fondamentale nell’implementazione di un flusso del valore snello, dal fornitore di materie prime fino al cliente finale.
La gestione lean del flusso di valore estesa a monte e a valle nella supply chain
Il network di relazioni con cli

Workshop

Data di partenza:

14 Feb 2020
Facebook Advertising
Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la viralità del messaggio on line. Negli anni passati si poteva pensare a Facebook come a uno strumento per promuovere in modo efficace la propria attività in modo gratuito sfruttando il passaparola e la vira

Workshop

Data di partenza:

In programmazione
La grafologia nella selezione e valutazione del personale
L’utilizzo della grafologia è molto diffuso in Europa, soprattutto in Francia, Olanda e Belgio, dove si è compreso che la grafologia è utile per evitare di commettere errori nella scelta di un candidato e oggi sono sempre più numerose le aziende italiane che impiegano questo metodo di valutazione. La scrittura è un test veramente attendibile in grado di evidenziare alcuni tratti della personalità di un individuo. L’utilizzo della grafologia è molto diffuso in Europa, soprattutto in Francia, Olanda e Belgio, dove si è compreso che la grafologia è utile per evitare di commettere errori nella scelta di un candidato e oggi sono sempre più numerose le aziende italiane che impiegano questo metodo di valutazione. La scrittura è un test veramente attendibile in grado di evidenziare alcuni tratti della personalità di un individuo. L’utilizzo della grafologia è molto diffuso in Europa, soprattutto in Francia, Olanda e Belgio, dove si è compreso che la grafologia è utile per evitare di commettere errori nella scelta di un candidato e oggi sono sempre più numerose le aziende italiane che impiegano questo metodo di valutazione. La scrittura è un test veramente attendibile in grado di evidenziare alcuni tratti della personalità di un individuo. L’utilizzo della grafologia è molto diffuso in Europa, soprattutto in Francia, Olanda e Belgio, dove si è compreso che la grafologia è utile per evitare di commettere errori nella scelta di un candidato e oggi sono sempre più numerose le aziende italiane che impiegano questo metodo di valutazione. La scrittura è un test veramente attendibile in grado di evidenziare alcuni tratti della personalità di un individuo. L’utilizzo della grafologia è molto diffuso in Europa, soprattutto in Francia, Olanda e Belgio, dove si è compreso che la grafologia è utile per evitare di commettere errori nella scelta di un candidato e oggi sono sempre più numerose le aziende italiane che impiegano questo metodo di valutazio

Workshop

Humor business solutions
Impara le tecniche umoristiche per gestire le dinamiche aziendali
L’Humor Business è un metodo esclusivo ideato da Rino Cerritelli e Matteo Andreone che è in grado di attivare nel tempo straordinarie risorse per favorire la comunicazione efficace in ogni settore, per acquisire la giusta flessibilità emotiva e comportamentale, per adattarsi a qualsiasi situazione e per incentivare lo sviluppo illimitato dell’immaginazione e della creatività d’impresa.
Impara le tecniche umoristiche per gestire le dinamiche aziendali
L’Humor Business è un metodo esclusivo ideato da Rino Cerritelli e Matteo Andreone che è in grado di attivare nel tempo straordinarie risorse per favorire la comunicazione efficace in ogni settore, per acquisire la giusta flessibilità emotiva e comportamentale, per adattarsi a qualsiasi situazione e per incentivare lo sviluppo illimitato dell’immaginazione e della creatività d’impresa.
Impara le tecniche umoristiche per gestire le dinamiche aziendali
L’Humor Business è un metodo esclusivo ideato da Rino Cerritelli e Matteo Andreone che è in grado di attivare nel tempo straordinarie risorse per favorire la comunicazione efficace in ogni settore, per acquisire la giusta flessibilità emotiva e comportamentale, per adattarsi a qualsiasi situazione e per incentivare lo sviluppo illimitato dell’immaginazione e della creatività d’impresa.
Impara le tecniche umoristiche per gestire le dinamiche aziendali
L’Humor Business è un metodo esclusivo ideato da Rino Cerritelli e Matteo Andreone che è in grado di attivare nel tempo straordinarie risorse per favorire la comunicazione efficace in ogni settore, per acquisire la giusta flessibilità emotiva e comportamentale, per adattarsi a qualsiasi situazione e per incentivare lo sviluppo illimitato dell’immaginazione e della creatività d’impresa.
Impara le tecniche umoristiche per gestire le dinamiche aziendali
L’H

Workshop

Data di partenza:

08 Nov 2019
Leadership efficace per la gestione del cambiamento
Le imprese oggigiorno sono costantemente confrontate con le turbolenze dei mercati, le aspettative degli azionisti e le crescenti esigenze dei consumatori che rappresentano una sfida costante per tutta l’azienda. Il continuo cambiamento e le sovrapposizioni di attività sono diventati una parte integrante della gestione aziendale. Le imprese oggigiorno sono costantemente confrontate con le turbolenze dei mercati, le aspettative degli azionisti e le crescenti esigenze dei consumatori che rappresentano una sfida costante per tutta l’azienda. Il continuo cambiamento e le sovrapposizioni di attività sono diventati una parte integrante della gestione aziendale. Le imprese oggigiorno sono costantemente confrontate con le turbolenze dei mercati, le aspettative degli azionisti e le crescenti esigenze dei consumatori che rappresentano una sfida costante per tutta l’azienda. Il continuo cambiamento e le sovrapposizioni di attività sono diventati una parte integrante della gestione aziendale. Le imprese oggigiorno sono costantemente confrontate con le turbolenze dei mercati, le aspettative degli azionisti e le crescenti esigenze dei consumatori che rappresentano una sfida costante per tutta l’azienda. Il continuo cambiamento e le sovrapposizioni di attività sono diventati una parte integrante della gestione aziendale. Le imprese oggigiorno sono costantemente confrontate con le turbolenze dei mercati, le aspettative degli azionisti e le crescenti esigenze dei consumatori che rappresentano una sfida costante per tutta l’azienda. Il continuo cambiamento e le sovrapposizioni di attività sono diventati una parte integrante della gestione aziendale. Le imprese oggigiorno sono costantemente confrontate con le turbolenze dei mercati, le aspettative degli azionisti e le crescenti esigenze dei consumatori che rappresentano una sfida costante per tutta l’azienda. Il continuo cambiamento e le sovrapposizioni di attività sono diventati una parte integrante della gestione az

_linkedin_data_partner_id = "377242";